Maurizio Calvesi

http://www.mauriziocalvesi.it/

Maurizio Calvesi nasce a Roma il 18 settembre 1927. Si laurea, nel 1949, presso La Sapienza di Roma con Lionello Venturi con una tesi su Simone Peterzano. Maestro del Caravaggio. Nel 1955 vince il concorso di Ispettore nell’Amministrazione delle Belle Arti e presta servizio nella Soprintendenza di Bologna fino al 1959, con il ruolo di direttore della Pinacoteca Nazionale di Ferrara. Tornato a Roma, è vice-direttore della Galleria Nazionale d’Arte Moderna fino al 1964, passando poi a dirigere la Calcografia Nazionale. Dal 1970 è Professore Ordinario all’Università di Palermo e dal 1976 presso l’Università “La Sapienza” di Roma dov’è anche direttore dell’Istituto di Storia dell’Arte e successivamente del Dipartimento. Dal 2003 Professore Emerito. Dal 1979 al 1982 partecipa al Consiglio Direttivo della Biennale di Venezia di cui sarà Direttore del settore Arti Visive nelle Biennali del 1984 e del 1986. Dal 1988 è Socio dell’Accademia Nazionale dei Lincei di Roma e dal 1998 dell’Accademia Clementina di Bologna. Dal 2001 è Presidente della Fondazione Burri (Città di Castello), dal 2005 Direttore della Fondazione Mastroianni (Arpino) e dal 2011 consulente della Fondazione Marino Marini (Pistoia). Nel 1990 vince il Premio Viareggio per la saggistica con il libro Le realtà del Caravaggio e nel 2002 il Premio Morassi per la Storia dell’Arte con il volume Gli incantesimi di Bomarzo. Nel 2008 viene insignito del Premio Balzan per la Storia dell’Arte, precedentemente attribuito al solo E. Gombrich. E’ il primo studioso italiano, sin dagli anni Cinquanta, a mettere in luce le componenti dell’ermetismo rinascimentale e ad introdurre l’interpretazione in chiave junghiana e iconologica dei grandi capolavori del Quattro e Cinquecento. Integrando questi strumenti all’analisi formale e attributiva e all’indagine d’archivio, Calvesi inaugura un metodo che porta contributi innovativi anche radicali alla conoscenza di artisti come Piero della Francesca, Giorgione, Dürer, Caravaggio, Piranesi, Duchamp, de Chirico. E’ tra i primissimi studiosi ad indagare il rapporto arte-alchimia nella sua continuità storica dal Rinascimento alle Avanguardie. Dà impulso agli studi sul Quattrocento romano e riporta in luce la figura di Francesco Colonna romano come autore della Hypnerotomachia Poliphili. A partire dal 1953 promuove la rivalutazione del Futurismo con studi fondanti sul movimento, su Marinetti e sui singoli artisti, in particolare su Boccioni di cui cura il primo catalogo generale dell’opera, oltre che su Marinetti, Balla, Carrà, Severini e Prampolini. E’ stato tra i primi ad occuparsi in modo approfondito, nel 1959, di Alberto Burri; è stato anche tra i primi a parlare di artisti come Schifano, Festa, Kounellis, Vettor Pisani, De Dominicis, Mariani, Di Stasio. Ha comunque scritto su quasi tutti i più importanti italiani del XX secolo oltre che su Tàpies, Fautrier, Pollock, Kiefer e altri. La sua bibliografia comprende oltre 2.000 saggi e articoli, in gran parte su riviste scientifiche o su qualificati periodici, tra cui il “Corriere della Sera” e “L’Espresso”. I libri più importanti: Le arti in Vaticano (Milano, 1961) Le incisioni dei Carracci (Roma, 1965) Le due Avanguardie (Lerici, Milano, 1966; Laterza, Bari, otto edizioni dal 1970 al 2001) Dinamismo e simultaneità nella poetica futurista (Vol. V de “L’Arte Moderna”, Milano, 1967) Il Futurismo (Milano, 1969) Architettura barocca in Terra d’Otranto (con M. Manieri Elia), Roma, 1972 Alberto Burri (Milano, 1972) Duchamp invisibile (Roma, 1975) Avanguardia di massa (Milano, 1978) Il sogno di Poliphilo prenestino (Roma, 1980) La Metafisica schiarita (Roma, 1982) Le Realtà del Caravaggio (Milano, 1990) La Melancolia di Albrecht Dürer (Torino, 1993) La ‘Pugna d’amore in sogno’ di Francesco Colonna romano (Roma, 1996) Piero della Francesca (Milano, 1998) Storia della seduzione (Palermo, 1999) Gli incantesimi di Bomarzo. Il Sacro Bosco tra arte e letteratura (Milano, 2001) L’occhio profondo del Rinascimento (in corso di stampa) Direttore della rivista “Art e Dossier” dal 1986 al 2001 e della rivista “Ars”; titolare della critica d’arte del “Corriere della Sera” tra il 1972 e il 1978, e precedentemente de “L’Espresso”, ha curato e coordinato numerose esposizioni per le quali, e per ulteriori approfondimenti, si rimanda alla voce biografica M. Calvesi di Alessandro Zuccari in Dizionario Biografico dei Soprintendenti Storici dell’Arte, Bologna, Bononia University Press, 2007, pp. 131-133.)

Realizzato da phalanx.itCAM Editrice - Via Capodiferro 4 - 00186 Roma - Tel/fax: 06 68300889