NEQUE HIC VIVUS, NEQUE ILLIC MORTUUS La tomba di Giovan Battista Gisleni e il suo doppio a stampa

8.00

Descrizione

Storia dell’Arte 140,  Gennaio – Aprile 2015

Gianpasquale Greco

NEQUE HIC VIVUS, NEQUE ILLIC MORTUUS. La tomba di Giovan Battista Gisleni e il suo doppio a stampa

Il presente contributo è dedicato alla sepoltura secentesca dell’architetto Giovan Battista Gisleni, nella chiesa romana di S. Maria del Popolo. La sepoltura, già nota da una tradizione critica della prima metà del Novecento, per le sue lugubri suggestioni ed ultimamente studiata nel 2011, è qui riproposta nelle sue associazioni storico- artistiche e filologiche. La sepoltura viene, per la prima volta, connessa ad un opuscolo inedito appositamente stampato per la fondazione, che ne denota le origini, le decorazioni, le iscrizioni, il significato globale.

Informazioni aggiuntive

Formato

Singolo Articolo

Numero

140