Antonio Tanari e alcune vicende poco note sulla chiesa di S. Pudenziana a Roma

8.00

digital product / edizione digitale

Descrizione

 Storia dell’Arte 111, Maggio – Agosto 2005

Lisa Della Volpe

Antonio Tanari e alcune vicende poco note sulla chiesa di S. Pudenziana a Roma

Da tempo gli studi hanno ridimensionato il ruolo svolto dal Concilio di Trento nel controllo del decoro delle immagini sacre pur riscontrando una progressiva ingerenza della Chiesa negli affari artistici ed un effettivo controllo svolto soprattutto da singoli o da gruppi più rigoristi, sotto la spinta di un sincero zelo religioso o di una politica culturale fortemente condizionata dalle vicende religiose. Tra i protagonisti di questa fase storica, va ricordato un cardinale, attivo collaboratore e spalleggiatore prima di Pietro Aldobrandini in occasione dei due conclavi del 1605 e poi di Paolo V come consigliere nella questione molinista. Si tratta di Innocenzo Del Bufalo (Roma, 1565 o 1566 – 1610), creato cardinale da Clemente VIII nel 1604, inviato come nunzio apostolico in Francia nel 1601, e prima ancora come inquisitore apostolico a Malta per tre anni a partire dal 1595. Clemente VIII gli assegna il titolo di S. Tommaso in Parione; nel 1605 ottiene il titolo di S. Marcello, poi di S. Pudenziana ed infine dei SS. Achilleo e Nereo dal 1607 al 1610, anno della sua morte.

Informazioni aggiuntive

Numero

111