Barocci e Caravaggio nelle Vite di Bellori

8.00

Descrizione

Storia dell’arte 142, 2015

Stefano Pierguidi

Barocci e Caravaggio nelle Vite di Bellori

La critica si è sempre interrogata sul perché dell’inclusione di Federico Barocci tra gli artisti compresi nel canone degli artisti biografati da Giovan Pietro Bellori. È probabile che l’inclusione di Barocci si debba leggere prima di tutto in rapporto a quella di Caravaggio, al quale il pittore di Urbino è contrapposto nelle Vite da tanti punti di vista diversi, ma soprattutto per l’uso della luce, naturale e studiatissima nell’opera del primo, innaturale e violenta in quella del secondo. Bellori riconobbe il valore di Caravaggio, soprattutto del suo colorito, rispetto al quale quello proprio di Barocci poteva apparire a volte languido o troppo sfumato; ma sempre Bellori non apprezzava in nessun modo la veemenza del chiaroscuro del Merisi, al cui confronto il luminismo raffinato del maestro di Urbino veniva per contrasto esaltato.

Informazioni aggiuntive

Formato

Singolo Articolo

Numero

142