«Inusitata spectaculi». Il paesaggio al tempo di Salvator Rosa, Nicolas Poussin e Athanasius Kircher

5.00 IVA inclusa

Descrizione

Storia dell’arte 142, 2015

Camilla S. Fiore

«Inusitata spectaculi». Il paesaggio al tempo di Salvator Rosa, Nicolas Poussin e Athanasius Kircher

La voluminosa opera del gesuita A. Kircher è il riflesso del profondo cambiamento seguito alle rivoluzionarie scoperte scientifiche seicentesche che indussero eruditi, artisti e scienziati ad osservare la realtà con uno sguardo del tutto nuovo. Sulle valenze simboliche e rivelatrici della natura Kircher tornò più volte in tre trattati degli anni Settanta (Ars Magna Luci et Umbrae, Mundus Subterraneus e Latium id est), con il fine di dimostrare come alcuni fenomeni naturali – l’arcobaleno, l’aurora, gli eventi astronomici, temporali – fossero rivelatori della forza creatrice divina. L’autrice ripercorre il pensiero del gesuita e individua nell’opera dei più rinomati pittori di paesaggio attivi a Roma, Salvator Rosa e Nicolas Poussin, una fonte preziosa cui attingere per elaborare il concetto di Natura Pictrix. Alla rappresentazione del paesaggio e alla capacità di riprodurre i fenomeni naturali, Kircher dedica un intero capitolo in cui il riferimento ai trattati sulla pittura e alle idee che circolavano nella cerchia alessandrina emergono dal confronto tra trattati, corrispondenza e quadri di paesaggio.

Informazioni aggiuntive

Formato

Singolo Articolo

Numero

142