«La Vostra Verrucola, quale io stimavo di qualche horridezza». Paesaggio reale nella pittura di Salvator Rosa (1615-1673) 

5.00 IVA inclusa

Descrizione

Storia dell’Arte 133, Ottobre -Novembre-Dicembre 2012

Sara Fabbri

«La Vostra Verrucola, quale io stimavo di qualche horridezza». Paesaggio reale nella pittura di Salvator Rosa (1615-1673)

Il contributo interpreta i dipinti di paesaggio di Salvator Rosa alla luce del suo diretto e documentato rapporto con i luoghi dove visse ed operò durante il soggiorno toscano (1640-1649), decisivo per i successivi esiti della sua pittura. Partendo dalla tradizione sul tema, appresa prima a Napoli e poi a Roma, in Toscana l’artista sviluppa una trama di amicizie e di colte frequentazioni, riscattando il paesaggio dal livello della pittura di genere e consacrando se stesso come pittore-filosofo. Una vasta erudizione gli consente di indagare il dato naturale con lo sguardo della nuova Scienza Sperimentale. In lui la nuova estetica del sublime e dell’“horrido” è presaga della sensibilità romantica che lo eleggerà come proprio precursore, sancendone lo straordinario successo post-mortem

Informazioni aggiuntive

Numero

133