Le due teste del papa. Clemente VIII, Alessandro de’ Medici e la renovatio del ciborio lateranense

8.00

Descrizione

Storia dell’arte 146-148, 2017

Mauro Vincenzo Fontana

Le due teste del papa. Clemente VIII, Alessandro de’ Medici e la renovatio del ciborio lateranense

Partendo da alcuni dei nessi esistenti tra l’azione pastorale di Clemente VIII e la politica figurativa promossa nell’Urbe da un gruppo di homines novi della curia romana, il contributo costituisce il primo affondo organico sull’ammodernamento aldobrandiniano del ciborio lateranense. Sovrintesa dal cardinale Alessandro de’ Medici, e condotta sul campo da Giovanni Balducci e Agostino Ciampelli, l’impresa viene qui finalmente riconosciuta come una delle tappe cruciali nel processo di messa a punto di un nuovo canone espressivo e operativo, calibrato dal porporato fiorentino sulla base delle iniziative che aveva promosso in patria appena qualche tempo addietro.

Informazioni aggiuntive

Numero

146/148