Le due Veneri di Reynaud Levieux, artista prossimo a Desubleo

8.00

Descrizione

Storia dell’Arte 132, Aprile -Agosto 2012

Massimo Pulini

Le due Veneri di Reynaud Levieux, artista prossimo a Desubleo

L’autore, noto per la singolare capacità di riunire in catalogo opere di autori anche poco conosciuti, ci presenta una serie di opere del francese, già attribuite ad altri artisti e a cui aggiunge un importante inedito. Levieux (nato a Nîmes nel 1613 e attivo a Roma nella seconda metà del secolo) partecipò attivamente «a quel clima di colto e raffinato classicismo creatosi proprio dall’innesto della tradizione carraccesca con il gusto algebrico d’oltralpe» di cui il richiamo alle forme idealizzate della scultura antica costituisce il suo tratto distintivo. L’autore pone a confronto le sue opere con quelle di Michel Desoubleay (italianizzato in Desubleo), artista che lo introduce nell’ambiente che lo Zampieri aveva tenuto vivo dopo la morte di Annibale Carracci.

Informazioni aggiuntive

Numero

132