Artisti italiani a New York nel 1962: la mostra New Realists tra affermazione della Pop art, crisi del modernismo e aperture transnazionali

8.00

Descrizione

Storia dell’arte [149] Nuova Serie 2018|1

Carla Subrizi

Artisti italiani a New York nel 1962: la mostra New Realists tra affermazione della Pop art, crisi del modernismo e aperture transnazionali

Il 31 ottobre 1962, a New York, presso la Galleria Sidney Janis, si apre la mostra New Realists. La mostra segna una fase significativa dello scambio dei rapporti tra l’Italia e New York, tra la Francia e gli Stati Uniti, tra l’Europa e l’America. Sebbene le identità di questi contesti storici e geografici non fossero simili, l’idea di internazionalismo che si sviluppò, arrivò a connettere storie e situazioni economiche differenti. Tornare a considerare questa mostra oggi, con la distanza storica dal dibattito che, tra la fine degli anni Cinquanta e i primi Sessanta, attraversò l’Italia, l’Europa e gli Stati Uniti, permette di avanzare nuove riflessioni e di analizzare il periodo in cui tale mostra fu progettata con uno sguardo indirizzato verso l’internazionalità della cultura italiana e la costruzione di una specificità transnazionale di tale cultura. Il contributo si sofferma su una serie di relazioni internazionali indissolubilmente intrecciate, tra Europa e Stati Uniti, tra arte, gallerie e musei. Particolare attenzione è indirizzata alla presenza degli artisti italiani in tale contesto storico-artistico.

Informazioni aggiuntive

Numero

149