Dal rococo al neoclassico

8.00

Descrizione

Storia dell’arte 1/2, Gennaio-Giugno 1969

Luigi Salerno

Dal rococo al neoclassico

“Non c’è dubbio che i termini rococo, neoclassico e simili, quando sono usati per indicare un periodo storico, in senso cronologico, tendono a conferirgli una illusoria uniformità. Basterebbe considerare che l’uniformità non c’è mai, che si tratta soltanto di usare il termine rocco per indicare il fenomeno saliente del periodo 1700-1760 e di usare il termine neoclassico per indicare il fenomeno saliente del periodo 1760-1815; che l’estensione dei due termini ai relativi periodi cronologici, intesi nel loro insieme è dovuta al fatto che nella sintesi storica si deve necessariamente definire e caratterizzare le varie fasi per fenomeni salienti. Ma indubbiamente ci si adagia poi, specialmente nei manuali, nella convinzione di una conformità degli interi periodi a ciò che con i termini intendiamo in sintesi e in astratto. Per cui anche gli storici più metodologicamente agguerriti, quando riprendono contatto, mediante la ricerca, con la concreta realtà storica, sembrano sempre riscoprire che la sintesi che se n’era fata – riassunta in quei secchi termini – è inadeguata (…)”.

 

Informazioni aggiuntive

Numero

1/2