Francesco Colonna e Villa Adriana: un nuovo documento

8.00

Descrizione

Storia dell’Arte 113/114, Gennaio – Agosto 2006

Stefano Borsi

Francesco Colonna e Villa Adriana: un nuovo documento

In un convegno del 1996, sviluppando uno spunto espresso precedentemente, avevo prospettato la possibilità che l’autore dell’Hypnerotomachia Poliphili fosse da annoverare tra gli esploratori quattrocenteschi di Villa Adriana, da cui avrebbe tratto qualche spunto per le sue invenzioni architettoniche, da tempo al centro dei miei studi. A distanza di alcuni anni, riprendevo il tema in una lettura condotta più in profondità, apparsa recentemente in questa stessa rivista, lettura da cui usciva rafforzata l’immagine della forte impressione suscitata in Francesco Colonna dall’antico complesso adrianeo, segnatamente del ninfeo posto a scenografica conclusione del Canopo (per il tempio di Venere Physizoa) e del Teatro Marittimo (per il peristilio circolare ionico del giardino di Venere).

Informazioni aggiuntive

Numero

113/114