Repliche nella produzione giovanile del Maratta

8.00

Descrizione

Storia dell’arte 129, Maggio-Agosto 2011

Francesco Petrucci

Repliche nella produzione giovanile del Maratta

Il saggio si apre con una precisazione, in garbata polemica con Stella Rudolph, la nota specialista del Maratta, sulla proprietà del nome del maestro marchigiano che nelle fonti e negli atti ufficiali compare come Carlo Maratti, acquisendo solo nel suo soggiorno romano l’appellativo di “Maratta”. La ricerca verte poi sostanzialmente sul tema delle repliche, varianti e copie, che danno vita a dipinti con modifiche rispetto agli originali. L’autore elenca numerosi casi tra cui le varianti del piccolo dipinto dell’Adorazione dei Pastori del Quirinale e le versioni di Diana e Atteone dal prototipo di Dughet per i Colonna. A volte il maestro riutilizza singole figure riprese da modelli poi rielaborati in diversi contesti, come ad esempio la positura della nutrice nella Visitazione di S. Maria della Pace trasferita nelle varie versioni della Madonna che allatta il Bambino. Spesso le repliche sono opera di bottega, nate come esercitazioni o per far fronte alle numerose richieste dei committenti, senza tuttavia escludere in qualche caso, l’intervento diretto del maestro, come nel San Pietro che battezza il centurione di Andrea Procaccini eseguito per S. Pietro e oggi a Urbino, il cui bozzetto mostra una qualità riconducibile al Maratta. Nuove acquisizioni al catalogo marattesco sono poi proposte dall’autore che si sofferma su numerosi dipinti come il Bacco e Arianna comparso da Sotheby’s nel 2001, e l’Angelo custode del Museo di Nantes, un’Incoronazione di spine battuta da Christie’s nel 2006, un’Orazione nell’Orto già di proprietà del restauratore Maranzi, e molti altri.

Informazioni aggiuntive

Numero

129