L’influenza di Nietzsche e dell’idea di mito immanente in Giorgio de Chirico: Mavìlis, Palamàs e il contesto letterario ateniese all’inizio del XX secolo

8.00

Descrizione

Storia dell’arte [150] Nuova Serie 2018|2

Fabio Benzi

L’influenza di Nietzsche e dell’idea di mito immanente in Giorgio de Chirico: Mavìlis, Palamàs e il contesto letterario ateniese all’inizio del XX secolo

L’articolo presenta un’inedita analisi del contesto culturale ateniese dell’inizio del Novecento, nel quale Giorgio de Chirico trascorse la sua giovinezza e prima maturità, fino all’età di diciotto anni. Considerato finora solo dal punto di vista pittorico, che fu pressoché ininfluente sulla maturità dell’artista, invece il contesto filosofico-letterario greco mostra di aver lasciato una profonda traccia sul giovane de Chirico. La sua famiglia e i suoi stessi amici ateniesi (ad es. Dimitri Pikionis) erano infatti coinvolti in dibattiti che vedevano la poesia neo-ellenica e la filosofia di Nietzsche come  punto essenziale di un pensiero in cui l’antichità e il mito trovavano una moderna attualizzazione. La scoperta che de Chirico dovette avvicinarsi  alla filosofia nietzschiana fin dagli anni ateniesi cambia notevolmente la prospettiva della sua maturazione intellettuale e della stessa pittura Metafisica, conferendogli una inedita profondità e durata di riflessione.

Informazioni aggiuntive

Numero

150