Vai al contenuto

Archivio:

Anteprime

Un rame inedito di Hans Speckaert e una fonte iconografica per la sua Diana e Atteone*

SIMONE ANDREONI Hans Speckaert (ca. 1530/1540-1577) è stato uno dei pittori più influenti del secondo Cinquecento europeo; tuttavia, sulla sua vita e la carriera che ebbe esistono poche indicazioni non congetturali . Egli nacque a Bruxelles, secondo Karel van Mander; tra il 1530 – come ha annotato il pittore Cornelis Ploos van Amstel (1726-1798) su […]

Un’ aggiunta per il tempo romano di Ribera

GIUSEPPE PORZIO La spasmodica attenzione nei confronti di Caravaggio e il trambusto mediatico, sempre più fragoroso, che è venuto accompagnandosi negli ultimi tempi all’avvistamento di qualche suo originale, vero o presunto, rischiano di far perdere di vista, almeno a un pubblico più ampio, valori e gerarchie di opere e artisti non meno importanti per gli […]

La ‘Seduzione interrotta’, un nuovo dipinto di Artemisia Gentileschi

GIANNI PAPI, con la collaborazione di NINA GRAM BISCHOFF Ancora torno a scrivere di Artemisia, perché ho potuto effettuare, in modo del tutto fortunato e casuale, la scoperta di un dipinto finora non riconosciuto alla pittrice, che è giusto portare alla ribalta (Fig. 1). Un dipinto che, malgrado uno stato di conservazione tutt’altro che eccellente […]

Novità dal restauro delle due anfore istoriate nella bottega di Pietro Papi (Urbania 1670)

ROMANA MASTRELLA Come si è potuto illustrare nel precedente intervento Due anfore inedite di Pietro Papi (Urbania 1670) con scene della Gerusalemme Liberata del Tempesta, il ritrovamento delle due maioliche firmate e datate oggi in collezione Alberto Di Castro (fig. 1 a-b), oltre ad aggiungere un importante tassello al panorama delle ceramiche istoriate del Seicento, […]

Caravaggio, Lena e Maddalena Antognetti. Una storia da riscrivere*

FRANCESCA CURTI E ORIETTA VERDI ENGLISH VERSION Introduzione Nessun pittore nello scorso e in questo secolo ha attirato su di sé l’attenzione come Caravaggio, nessuno come lui è stato capace di coinvolgere lo spettatore moderno, più o meno colto, più o meno esperto, all’interno dei suoi quadri, delle sue composizioni, dei suoi contrasti di luce […]

Caravaggio al Casino Ludovisi: la prima attribuzione di Giuliana Zandri sul terzo numero di “Storia dell’arte” – 1969

A pochi mesi dalla fondazione della rivista “Storia dell’arte”, nel fascicolo 3 del 1969, la storica dell’arte Giuliana Zandri pubblica l’articolo dal titolo Un probabile dipinto murale del Caravaggio per il Cardinale Del Monte, in cui l’autrice per la prima volta attribuisce al Merisi il dipinto murale nel Casino Ludovisi di Roma, ricostruendone le vicende […]

La quadreria di Valentino Pellegrini criminalista marchigiano al servizio dei Barberini

ANNA REBECCA SARTORE, BARBARA GHELFI Prima parteAnna Rebecca SartoreMagistrato al servizio dello Stato Pontificio dagli anni Venti fino alla metà degli anni Quaranta del XVII secolo, Valentino Pellegrini († 1648) coltivò un certo interesse per l’arte del suo tempo come dimostra una documentazione inedita che dà conto dell’esistenza di una selezionata collezione di dipinti ospitata […]

Jan Lievens alla luce di Utrecht e Honthorst: un nuovo Violinista e un’Allegoria dell’Avarizia

TOMMASO BORGOGELLI Nel 1977 Benedict Nicolson, nel suo fondamentale contributo  monografico dedicato a Matthias Stom riferiva all’attività giovanile del pittore un notevole Violinista con bicchiere di vino conservato presso la tenuta di Kingston Lacy, nel Dorset (Fig. 1) , attribuito in precedenza da Albert de Mirimonde a Gerard Seghers . Il dipinto, parte della collezione […]

Disegni inediti di G. B. Ricci per il cantiere pittorico di San Gregorio al Celio

ETTORE GIOVANATI Negli ultimi decenni sono comparsi diversi studi riguardo la figura di Giovanni Battista Ricci da Novara (Suno, 1552 ca. Roma, 1627), consentendo una graduale recupero di un comprimario della pittura romana di fine Cinquecento e inizio Seicento.1Anche i disegni dell’artista hanno visto un crescente interesse da parte della critica, ma l’assenza di un’indagine […]

Federico Zuccari, Prospero Fontana e ‘quer pasticciaccio brutto’ della Porta Virtutis

GIULIA DANIELE Pur avendo dedicato ormai quasi un decennio allo studio di Prospero Fontana (1509-97), certo tra i più rilevanti pittori del Cinquecento bolognese, devo ammettere che la clamorosa vicenda umana e professionale in cui si trovò invischiato l’incauto Federico Zuccari al principio degli anni ottanta del secolo, reo di aver offeso un protetto del […]